casalthaulero 5star 2020

5 StarWines VINITALY: CASAL THAULERO RICEVE CINQUE RICONOSCIMENTI

La cantina Casal Thaulero ha ottenuto cinque riconoscimenti dal “5StarWines – The Book 2021”, la selezione annuale di vini, quest’anno organizzata da Vinitaly in maniera “agile” in cui i giudici internazionali si sono dati appuntamento su una piattaforma virtuale per degustare alla cieca 2000 campioni ricevuti.

Tra gli 848 vini selezionati quelli di Casal Thaulero si sono distinti sicuramente per l’autenticità e il legame con il territorio poiché tutti derivanti da vitigni autoctoni: partiamo dai vini che hanno ottenuto punteggio più alto di 92/100 come il Montepulciano D’Abruzzo Doc Riserva “Duca Thaulero” 2014 e la dirompente bollicina di Pecorino Spumante Brut “Voilà”, Metodo Martinotti, totalmente realizzata in Abruzzo. Il Montepulciano D’Abruzzo Doc Riserva “Duca Thaulero” 2014 ha un colore rosso intenso, tendente al porpora, con riflessi violacei. Complesso ed elegante, con sentori di frutti di bosco, cuoio e finale speziato. Dal sapore pieno, armonico, equilibrato, piacevolmente tannico e persistente. É ideale l’abbinamento con i primi piatti. Le bollicine Voilà nascono con l’obiettivo di impreziosire le serate e gli eventi più importanti della vita: lo Spumante Brut Pecorino è complesso e fragrante, con un nitido sentore di crosta di pane, note floreali di gelsomino e ginestra e balsamico di salvia. Il gusto è deciso e avvolgente, spiccata mineralità, piacevolmente fresco, dalla struttura complessa ed equilibrata, è ideale con crostacei, frutti di mare, primi di pesce, formaggi freschi e salumi delicati e perfetto come aperitivo.

casalthaulero 5star 2020

A seguire ci sono i vini che hanno ottenuto un punteggio di 90/100 come il Montepulciano d’Abruzzo Doc “Orsetto Oro” 2017, l’Abruzzo Doc Pecorino Superiore “Duca Thaulero” 2019 e la Passerina Terre Di Chieti Igp “Orsetto Oro” 2019.

 “Questi riconoscimenti premiano il nostro lavoro e impegno quotidiano – afferma l’enologa Ludovica Crugnale –Siamo onorati di portare nel mondo l’Abruzzo attraverso l’autenticità delle nostre uve autoctone. Negli ultimi anni stiamo orientando i nostri obiettivi e le scelte enologiche verso il miglioramento della sostenibilità e valorizzazione dei territori più vocati. Riteniamo che questa sia la strategia migliore per fronteggiare le avversità e le sfide che ci attendono nel prossimo futuro.”